sabato, 9 dicembre 2006

Situazione del video editing in Linux

A scadenze regolari riaffiora questo "scottante" argomento. Purtroppo l'ambiente Linux tutt'oggi non è in grado di competere con altri sistemi operativi (Mac, Windows), per i quali esistono centinaia e centinaia di strumenti software di tutti i livelli. Per l'ambiente Windows ad esempio si possono trovare software con funzionalità di base in una qualsiasi rivista con allegato un CD in omaggio. Con Linux invece chi vuole elaborare, anche solo un pochino, i video delle proprie vacanze, non ha quasi nessuna possibilità con un minimo di comfort.
Dico quasi nessuna perché in realtà dei prodotti esistono, ma:
  • sono male o poco funzionanti
  • sono estremamente limitati nella gestione dei vari formati video e audio più diffusi
  • sono dei tools da linea di comando improponibili all'utente comune
  • eseguono bene un'attività (per es. Kino nell'importazione dalle videocamere), ma poi sono carenti in effetti e possibilità di elaborazione
  • hanno un'interfaccia grafica decisamente poco gradevole (per es. cinelerra)
  • una volta ottenuto un filmato decente, il prossimo passo, creare un DVD con menu, è quasi altrettanto difficile.
  • non c'è una famiglia di prodotti integrati che permetta ad un utente comune di partire dal materiale grezzo, editarlo, combinarlo con una colonna sonora, esportarlo su DVD.
  • non si possono gestire i sottotitoli o stream audio multilingue in modo semplice e pratico.
Insomma, chi sostiene che il video editing in Linux sia già possibile oggi, pretende che un utente si installi una miriade di librerie e tool da linea di comando. Poi se va bene si installi anche tutte le possibili interfacce grafiche ai tool da linea di comando, e infine provi un'infinità di strumenti più o meno validi per crearsi un DVD.
Decisamente se facciamo un giro d'orizzonte negli altri ambienti (iMovie, Final Cut, Vegas, Adobe Premiere, ecc.), vediamo che è tutto un altro mondo.

Ciò che esiste oggi, come software open source, per il nostro amato pinguino è quanto segue. A voi il giudizio sulla qualità e sulle possibilità attuali di questi strumenti. Qui sotto elenco i links a prodotti che perlomeno hanno già un'interfaccia grafica.

VIDEO EDITING
LiVES
http://lives.sourceforge.net/index.php?do=screenshots&PHPSESSID=eb0e44443627152a5d15525267fa2a03

Jahshaka
http://www.jahshaka.org/index.php?option=com_content&task=blogcategory&id=1&Itemid=46

Diva
http://www.diva-project.org/wiki

ZS4
http://www.zs4.net/

Kino
http://www.kinodv.org/

PiTiVi
http://wiki.pitivi.org/wiki/Main_Page

Cinelerra
http://cvs.cinelerra.org/

Blender - FFMPEG
http://www.blender.org/cms/Home.2.0.html

Avidemux
http://fixounet.free.fr/avidemux/index.html



DVD MAKER

DVD styler
http://www.dvdstyler.de/

Varsha
http://varsha.sourceforge.net/#Requirements

Q-DVD
http://qdvdauthor.sourceforge.net/



A mio giudizio lo strumento di video editing con più potenzialità allo stato attuale è Cinelerra, e questo malgrado l'orrenda interfaccia. Subito a ruota abbiamo Blender che con la sua ultima versione 2.42 ha iniziato a fornire il collegamento con i moduli FFMPEG per una più ampia gestione di file video e audio.
Per il futuro invece vedo molto bene l'arrivo di PiTiVi, un applicativo integrato nell'ambiente Gnome e con un'interfaccia gradevole. Un altro vantaggio di PiTiVi sta nel fatto di essere basato sull'architettura GStreamer diventata ormai il punto di riferimento per la multimedialità in Linux.
Leggendo nei vari blogs e planet in giro per la rete sembra proprio che con PiTiVi finalmente si sia intrapreso un lavoro serio per colmare la lacuna. Solo così il pinguino non avrà proprio più nulla da invidiare a nessuno.

Qualcuno si potrebbe chiedere tuttavia quale sia il motivo, se esiste, che rallenta in questo modo l'arrivo di un prodotto finito veramente utilizzabile. In fin dei conti in tutti gli altri campi (ufficio, fotografia, banche dati, grafica, musica, internet, ecc., ecc.), Linux è all'altezza di qualunque concorrente. Anzi, uno dei problemi più criticati di KDE è proprio l'offerta troppo estesa di differenti software che svolgono lo stesso compito.
Insomma in tutti i campi di utilizzo di Linux c'è addirittura sovrabbondanza di produzione da parte della miriade di sviluppatori di qualità sparsi nel mondo, ma per il video editing e compositing il nulla. Perché?
Metto qui un link ad un post in un altro blog che può dare bene l'idea del perché si abbiano così tante difficoltà nel mettere in cantiere uno strumento valido, e anche della frustrazione che serpeggia in rete fra gli amanti dell'open source che vedono descritte tante promesse, tante anteprime di fantastiche interfacce, alle quali però non corrisponde mai niente di concreto.

http://blogs.gnome.org/view/uraeus/2006/12/08/0


in sostanza qui si dice che, essendo il video editing una materia nuova per l'open source, ci si trova a dover continuamente lottare contro un'infinità di bugs e problemi nelle librerie che stanno alla base di un'ipotetico applicativo di video editing. PiTiVi ne è un esempio. Ad ogni idea ed esigenza che nasce per l'editor, si deve dapprima preparare il terreno nelle librerie GStreamer. Queste librerie sono già a buon punto nella visualizzazione e nella gestione audio, ma sono ancora grezze per la parte di gestione video. Una volta aperta la strada, sarà poi più facile creare altri applicativi simili perché le fondamenta saranno già state edificate. Oggi come oggi bisogna sommare il tempo di sviluppo dell'applicativo a quello di sviluppo, correzione e completamento delle librerie di base, cioè le fondamenta.
Questo lavoro è già stato fatto anni fa per il mondo dell'audio, ed ora si assiste ad un fiorire di ottimi applicativi che approfittano delle fondamenta già pronte e quindi gli sviluppatori possono concentrarsi solo sull'interfaccia e le funzionalità.

La parola d'ordine è quindi pazienza. Lasciar fare il loro lavoro agli sviluppatori. Secondo me entro al massimo un anno potremo finalmente vedere i risultati concreti di tutto il lavoro preparatorio che si sta facendo in questo periodo.

6 commenti:

Roberto ha detto...

Salve ! ho notato che è stato messo al secondo posto Blender ,ma come fa ? ...io ho un'Ubuntu e ho blender !ora la parte video va a meraviglia ma la sua parte audio è inesistente!
mica ha trovato una soluzione che gli è ne sarei grato(a molti che ho chiesto non mi hanno saputa dare risposta)...grazie dell' aiuto se ha la soluzione testata!
...comunque io a ruota metterei Avidemux che ha dei filtri sottovalutati mentre Jahshaka lo considero fuoriclasse dato che punta agli effetti speciali!pecca di questo programma è la poca integrazione dei file audio che possono rovinare la resa dei frame addirittura !

romeo ha detto...

Salve Roberto,

se a Lei va bene possiamo anche darci del tu che è forma più spiccia. Da parte mia nessun problema.

A quanto leggo nel tuo commento hai avuto senza dubbio più esperienze pratiche di me con vari prodotti (per esempio Jahshaka non sono mai riuscito a farlo funzionare a dovere).

Ma passiamo a Blender. Non è che abbia già prodotto chissà che cosa, ma ho fatto delle piccole prove tanto per verificare se e come funziona il tutto. Come dico nel post, Blender ha ampliato le sue possibilità da quando si è agganciato alle librerie FFMpeg. Adesso è possibile leggere numerosi formati video e audio né più né meno che in ambiente Windows o Mac.
Per far funzionare il tutto, cioè per ottenere un video con audio, bisogna effettuare le seguenti impostazioni e operazioni:

1) nella "Buttons Window" premi il pulsante "Sound block buttons" (l'ultimo a destra)
2) nel pannello "Sequencer" premi i due pulsanti "Sync" e "Scrub". Questi servono a mantenere sincronizzate le tracce audio a quelle video
3) nella finestra "Video Sequencer Editor" puoi aggiungere tutti i formati audio riconosciuti da FFMpeg con l'opzione "Add/Audio (HD)"
4) nella finestra "Video Sequencer Editor" puoi aggiungere tutti i formati video riconosciuti da FFMpeg con l'opzione "Add/Movie" o "Add/Movie + Audio (HD)"
5) nella "Buttons Window" premi il pulsante "Render buttons"
6) nel pannello "Format" scegli FFMpeg
7) nel pannello "Video" scegli il formato che desideri in uscita
8) nel pannello "Audio" premi il pulsante "Multiplex audio". Questo ti permette di includere l'audio nel video risultato
9) scegli il formato dell'audio da includere nel video

Adesso finalmente nel pannello "Anim" puoi premere il pulsante "Do Sequence" e poi "ANIM" per ottenere il risultato.

Non so quanto tu conosca Blender, perciò ho scelto una via di mezzo fra la spiegazione dettagliata e quella un po' più snella.
Spero di esserti di aiuto e che tu riesca ad ottenere il risultato desiderato.

romeo ha detto...

Ciao di nuovo Roberto,

ho dimenticato di dire una cosa a proposito dell'audio in Blender sotto Linux.
Per farla breve i sistemi audio in Linux sono diversi (OSS, ALSA) e ognuno ha le sue caratteristiche. ALSA è il più moderno e permette di ascoltare diverse fonti contemporaneamente. OSS invece è più vecchio e permette di ascoltare una sola fonte alla volta.
Blender, allo stato attuale, si appoggia al sistema OSS e questo gli impedisce di emettere l'audio se già c'è un altro programma che occupa la risorsa.
Comunque esiste un modo per ovviare a questo problema e poter sentire l'audio sia da Blender che da altri applicativi.

1) installare il pacchetto "alsa-oss" con Synaptic
2) aprire un terminale e far partire Blender con questo comando: aoss blender -w

In questo modo Blender viene avviato attraverso un livello di compatibilità che fa funzionare l'audio anche assieme ad altri applicativi. Ti assicuro che funziona anche con altri applicativi come RealPlayer e io a volte uso Blender mentre ascolto musica con Rhythmbox e non ho problemi.

Roberto ha detto...

Purtroppo non è riuscito ! comunque ho notato questa scritta al comando:$ aoss blender -w
guessing 'blender-bin' == '/usr/bin/blender-bin'
Compiled with Python version 2.4.
Checking for installed Python... got it!
SDL: Audio timeout - buggy audio driver? (disabled)
Saved session recovery to /home/perfinstals/.blender/quit.blend

il che mi fa pensare che potrebbe essere legato anche a file per Python che forse non sono installati !ma blender si baserà mai su alsa ? per ora mi è venuto in mente di arrangiarmi con audacity con griglia attiva e Pal fram impostato che combacia alla perfezione sia con i frame di Blender che con quelli di Avidemux per unire il tutto ! ottimo metodo che poi la qualità dell'audio e pure superiore ... per Jahschaka :InstallazioneJahschaka!
Permettere la scrittura alla lista con terminale:
sudo chmod o+w /etc/apt/sources.list
successivamente eseguire da terminale questo:
deb http://repo.jahshaka.org/ubuntu/dapper/ binary-i386/
salviamo e terminiamo sul terminale con questo :
sudo apt-get update
sudo apt-get install jahshaka

per il suo utilizzo ...bee scrissi questo anche come mio promemoria:
http://perfinideazione.forumgratis.org/index.php?&showtopic=11
e dico da ora che i file audio per ora rovinano l'encode e non permettono riapertura di progetti salvati quindi che si usino solo per avere un'idea e si tolgano al salvamento per avere sicurezza !la sua funzione comunque è di creare effetti seciali sia in 3d che dipinti,ecco un'esempio che trovai molto interessante :
http://it.youtube.com/watch?v=lYXH5fnHJwg
ciao!

Roberto ha detto...

la fretta ...!questo:
deb http://repo.jahshaka.org/ubuntu/dapper/ binary-i386/
va digitato e aggiunto alla fine della lista che corrisponde a questo indirizzo /etc/apt/sources.list
e successivamente salvato !nel sito che ho letto questo modo di installare indicava di cancellare tale digitazione successivamente all'installazione!

romeo ha detto...

Ciao Roberto,

ti ringrazio per la segnalazione sul repository di Jahshaka e soprattutto per la dritta sull'impostazione PAL in Audacity che non avevo mai notato e che in effetti può diventare molto preziosa.

Per quanto riguarda il tuo errore con Blender purtroppo non penso di poterti essere di grande aiuto. Le mie premesse sono:
1) avere installato Ubuntu Feisty
2) avere installato il pacchetto alsa-oss

Se anche tu soddisfi queste premesse, come penso sia, dovrebbe funzionare. L'unica cosa che posso dirti è che so che con versioni precedenti a Feisty alsa-oss aveva dei problemi.
Se la tua scheda audio è perfettamente funzionante e riconosciuta da Linux non riesco a capire perché ti dia quell'errore.

Spero tu riesca a scoprire l'inghippo, o magari il prossimo ottobre con la nuova versione di Ubuntu Gutsy si risolve tutto da solo.